CORO MONTE GRAPPA
                                                                             SAN ZENONE DEGLI EZZELINI-TV-

news   La nostra storia      

Nota: Se si intende ingrandire un'immagine per aumentare la visibilità si prega di cliccarci sopra.


storia gif

Il suono della voce è già musica.
La voce è il più grande traguardo raggiunto dall'uomo con la posizione eretta; è il primo strumento che si usa quando si nasce per esprimere la vita.
Il canto rappresenta, tra le attività spirituali dell’uomo, quella con il più alto valore sacro e simbolico ed è un veicolo tramite il quale si proiettano nello spazio emozioni in modo diretto: l’eco che produce si espande nelle vallate, dietro le colline, oltre le creste delle montagne.
Il canto è gioia, sorriso, dolore, pianto, ma soprattutto il canto è VITA!!!

Deve essere stato questo lo spirito che ha spinto, nel 1950, un gruppo di amici escursionisti alpini di S. Zenone degli Ezzelini (TV) iscritti al C.A.I. (Club Alpino Italiano) e un giovane intraprendente maestro di musica, un tal TONY PIOTTO, ad aggregarsi per coltivare lo stesso interesse, cioè quello di cantare.
Alla nascita fu un coro misto che interpretava canti liturgici e patriottici.
A questo punto mancava solo il nome del gruppo. Essendo nato in un paese che geograficamente è ai piedi del Monte Grappa, prese il nome dalla montagna che sovrasta S. Zenone degli Ezzelini:   


CORO MONTE GRAPPA

Tony Piotto è forse il personaggio più emblematico del comune di S. Zenone per le sue molteplici attività in campo culturale ed amministrativo. Nato il 02-11-1923, si è diplomato in composizione e strumentistica al Benedetto Marcello di Venezia ed è stato abilitato all’insegnamento al Santa Cecilia di Roma. Dopo la guerra che lo ha visto protagonista e prigioniero, fondò il Coro Monte Grappa nel 1950 e in seguito fu anche direttore della banda cittadina. E’ stato sindaco per due legislature e, ci tiene a dirlo, consigliere d’opposizione.
Un personaggio d’altri tempi, conosciuto e rispettato da tutti.


storia-01 storia-02 storia-03

Il maestro Tony Piotto

Nel 1952, il coro iniziò un nuovo percorso a quattro voci maschili, con ventotto elementi. Mantenendo sempre i canti liturgici (famosa è l’interpretazione del coro della “Messa da Requiem”  del Perosi), diede priorità ai canti della guerra, degli alpini, della montagna, delle tradizioni venete, trentine e friulane; divenne così il primo coro alpino della pedemontana dal Brenta al Piave.

Il maestro Piotto si impose subito come grande trascinatore e leader del gruppo; sotto la sua sapiente regia e la sua bacchetta magica, il coro incominciò ad ottenere dei grandi successi.
Ben presto i componenti del coro divennero un gruppo di grandi amici che si stimavano a vicenda, compagni inseparabili di avventure e scherzi goliardici, ma che, all’occorrenza, sapevano aiutarsi e sorreggersi, appena se ne presentava la necessità.

Nel 1960, il maestro Piotto, oltre a dirigere il Coro Monte Grappa di S. Zenone, incomincia a dirigere anche un coro di Bassano del Grappa e precisamente il coro “A.N.A. Monte Grappa”: si dedicò così alla direzione di due.
Per ben tre anni ci furono pertanto due cori con lo stesso nome. Nel 1963, per evitare l’omonimia, il coro di S. Zenone decise generosamente di cedere il nome “Monte Grappa” al coro di Bassano del Grappa intitolandosi, a sua volta, “Coro Tre Cime” con la particolarità di avere alcuni coristi che facevano parte di entrambi i cori.


Nel 1966, il maestro Piotto lasciò la direzione del coro di Bassano del Grappa per dedicarsi esclusivamente a quello di S. Zenone. In concomitanza, il nome “Monte Grappa” venne nuovamente attribuito al coro di S. Zenone e depositato con atto notarile presso lo studio dell’avvocato Andreatta a Bassano del Grappa.  Pertanto, da allora, solo il coro di S. Zenone può vantare, unico nel suo genere, l’altisonante nome di CORO MONTE GRAPPA”

Nel frattempo il coro vede aumentare i propri componenti: i cantori, tutti appassionati al bel canto, arrivano da tutto il circondario di San Zenone, cioè da Borso Del Grappa, da Liedolo, da Ca’ Rainati, da Bessica, da Onè di Fonte, da Fonte Alto, da Asolo, da Crespignaga, da Poggiana, da Solagna, e da altri paesi ancora.  Questo gruppo di persone, comunque, si sente legato a tutte le contrade italiane, nella consapevolezza che il nome del coro ha affratellato tutti gli Italiani, durante il primo conflitto mondiale.

Nel 1968, con il mese di aprile arriva la prima trasferta all’estero, e precisamente in Svizzera; seguirono poi le trasferte in Francia e a Lussemburgo. Fu così l’inizio di un lungo peregrinare per tutta l’Europa.
In quell’anno ricorreva anche l’anniversario della fine della prima guerra mondiale e il coro, nelle sue interpretazioni, era diventato insuperabile. Era richiesto ovunque, a tal punto di dover spesso eseguire due concerti alla settimana.
Un aneddoto simpatico e curioso lo riferisce il nostro corista Piero Scremin: al ritorno da una trasferta, al confine italo-austriaco del Brennero, alle ore sei del mattino, la polizia di frontiera, riconoscendo il coro, invece di chiedere i documenti, invita il coro a cantare “LA MONTANARA”. Allora, anche se i coristi erano stanchi ed assonnati, il maestro Piotto li mise tutti in posizione e fece eseguire il canto. Questo è stato il miglior lasciapassare che si poteva presentare.


Il 1968 è anche l’anno che colpisce negli affetti il maestro Piotto; infatti, la moglie Vettorina Vangelista passa a miglior vita, o come usano dire gli alpini “va avanti”.
Piotto, anche se umanamente segnato, è un uomo duro, inarrestabile, vince il dolore con il canto, con l’amicizia, con quei valori antichi che i coristi gli sanno trasmettere.
Nel 1968 fu inciso anche il primo 45 giri, presso la “record” di Milano, con sul fronte la canzone:
 “Le tre parole” e sul retro: “Canto agli studenti universitari


Anche l’anno 1969 fu un anno di grandi concerti e soddisfazioni. Fu anche un anno durante il quale il maestro Piotto ebbe qualche problema di salute, ma il coro in ogni caso rispettò tutti gli impegni che a mano a mano si presentavano.
Il coro, in quegli anni, fu testimone sensibile in molti luoghi, meta di emigrazione da parte degli Italiani: portare i canti della tradizione popolare e alpina agli emigrati era sentito quasi come un dovere, e il coro era sempre accolto in modo estremamente affettuoso.
Per questa ragione, nel 1974 venne accettato l’invito di Don Sebastiano Monico ad andare per la prima volta in Inghilterra e inScozia, dove il coro ebbe il privilegio di cantare nell’aula magna del municipio di Glasgow.


Per molti anni il coro poté pregiarsi dell’amicizia del poeta GINO PISTORELLO,  “Pisto” per gli amici. Dedicò più di qualche poesia al coro e fu uno dei maggiori esponenti dell’arte poetica nel comprensorio di Bassano del Grappa. Il suo dialetto era schietto e inconfondibilmente legato alle vie, alle piazze, al ponte vecchio, al Brenta, alle osterie, alla gente. La sua era l’immagine del vecchio Alpino dalla barba lunga, cappello con la penna nera, braghe a zuava, scarponi e calzettoni: un tutt'uno con la città della quale
ha espresso, più di ogni altro, la luce familiare, il vento capriccioso e salubre,  l'aroma inebriante della grappa e l'ironia dolce delle persone e delle cose.


E su “Pisto” bisognerebbe aprire una pagina, ma che dico pagina, bisognerebbe aprire un libro!
Basterebbe leggere la cronaca dell’avventura del coro in Inghilterra, della quale anche lui fu partecipe, riportata da “LA VOCE degli ITALIANI”, quindicinale degli Italiani in Gran Bretagna, per capire la vivacità, la qualità, l’estro, il brio, la carica, il dinamismo, l’esuberanza, la spigliatezza, e l’ironia, di cui questo uomo semplice era capace.
Bisognerebbe proporre questo “reportage” ad esempio ed insegnamento a tutti coloro che studiano per diventare giornalisti. Infatti leggendo questo articolo, fin dalle prime righe ti invade la bramosia e la curiosità di sapere come è stata vissuta questa avventura, per poi accorgerti che sei arrivato alla fine e l’hai letto tutto d’un fiato.
Riporterò qui di seguito soltanto l’epilogo di questo reportage:


Poiché è terribile voler
fissare la data di un sogno bello,
dove non esistono né date,
né tempo, ma tutto scorre in
una piacevole continuità, senza
incubi né paure, allora ecco:
tutto questo nacque in una
notte di mezza estate ed è una
storia come un’altra, una
 storia scozzese raccontata da
trenta formiche che si imbarcarono
su un aquilone bianco,
per conoscere il cielo ed altre terre.
Forse una fiaba………

                                                 Gino Pistorello

storia-06

Foto dal giornale “La Voce degli Italiani”
                                                                   
  
storia-07 storia-08
Dedica a S. Zenone degli Ezzelini di
 Gino Pistorello del 1977
Gino Pistorello  
  Clicca per ingrandire
Altra stupenda poesia di Gino Pistorello dedicata all'alpino Aldo Soldo, morto nella campagna di Russia;
se si riflettono un po' le parole, difficilmente si arriva alla fine senza commozione.
Questa poesia il coro l'ha inserita nella canzone "E' morto un alpin" .


Nel 1975, il Coro si reca a Roma a Castel Gandolfo presso le Edizioni Paoline, per incidere il primo 33 giri.

Nel 1976, la tragedia del terremoto in Friuli. L’allora Sindaco Tony Piotto e il Vicesindaco Carron Mario non persero tempo. Assieme al gruppo degli alpini di S. Zenone, andarono ad aiutare e a portare sollievo e sostegno a quelle popolazioni così martoriate dal devastante terremoto. Nacque così un legame e un’amicizia profonda con quel popolo e precisamente con gli abitanti di Majano del Friuli, tanto che al Coro Monte Grappa fu dedicata una piazzetta e più tardi, nel 2001,  fu organizato il gemellaggio tra il Comune di S. Zenone e quello di  Majano del Friuli, ufficializzato dai rispettivi Sindaci Speranza Marostica e Adriano Piuzzi, (entrambi grandi sostenitori del coro),  nonché da riconoscimenti e da cittadinanze onorarie.

Ma lo spirito dei Friulani si può condensare in questa emblematica foto:

Clicca sopra la foto per ingrandirla

fuaarce furlans
"Forza Friulani"

La bella storia con Majano continua con l’appoggio dell’attuale Sindaco di Majano “Claudio Zonta”, di chiare origini Venete e precisamente della provincia di Vicenza, buon estimatore del nostro Coro.
  
storia-09 storia-10 storia-11 storia-12
   
Il Sindaco di San Zenone degli Ezzelini Speranza Marostica, il Consigliere provinciale Piuzzi Adriano, il sindaco di Majano Zonta Claudio e i tre sindaci riuniti per un gemellaggio a Traversetolo -Parma-


storia-13

La piazzetta a S. Tommaso di  Majano, dedicata al Coro Monte Grappa.


storia-14

Conferimento della cittadinanza Onoraria di Majano del Friuli al maestro Tony Piotto


Fino al 1980 si deve riconoscere al maestro Piotto anche l’impegno di aver diretto per molti anni il Coro dei ragazzi della Scuola Apostolica dei Fatebenefratelli di Romano d’Ezzelino.

Nel 1982, il coro si reca in Inghilterra per la seconda volta; in questa occasione canta alla presenza del primo  Ministro, signora Margaret Tacher.

Nell’anno 1984, in occasione di una visita in Italia della Regina Madre d’Inghilterra, il coro ha l’onore e il privilegio di esibirsi al cospetto della regina, presso l’hotel Cipriani di Asolo. Venne eseguito l’ inno nazionale inglese a quattro voci e l’ inno di Mameli.  La Regina Madre nell’udire l’inno inglese si alzò in piedi e assistette all’esibizione con visibile commozione e soddisfazione.


Nell’ anno 1995, si festeggia a suon di concerti e cene il 45° anniversario; l’invitato d’onore è il cittadino onorario di S. Zenone , amico del maestro Piotto, ma anche di  tutto il coro, il Sig. Adriano Piuzzi

storia-15

45° con la torta, il segretario Nino Facchin, il maestro Piotto e Vittorio Zanotto


storia-16

  45° dopo cena, Adriano Piuzzi, tra il maestro Piotto e Facchin si intrattiene con alcuni cantori.


poesia 45

Altra poesia di Gino Pistorello dedicata al maestro Piotto e al coro Monte Grappa, in occasione del 45° anniversario della fondazione


L’anno 2000 è caratterizzato dai festeggiamenti del cinquantesimo anniversario del coro. (1950 - 2000)
Si festeggiano le “NOZZE D’ORO” e il coro è ancora diretto dal suo fondatore Tony Piotto.
Cinquant’anni di vita, di musica, di canti, di iniziative per gli emigrati, di bella amicizia, di amore e fedeltà alle tradizioni popolari, alla cultura del nostro Veneto e delle nostre campagne.
Ciquant’anni di Coro: un fatto culturale quasi unico, pieno di significato specialissimo che deriva dalla costanza dei coristi, dall’entusiasmo del Maestro, dal repertorio che viene riproposto con un attaccamento quasi “sacro” alla tradizione più vera del canto di montagna. Ha iniziato in sordina, nelle stanze della canonica di S. Zenone ed ha riempito di canzoni, di simpatia e di applausi le piazze ed i teatri di tutta Italia e di gran parte d’Europa.


storia-17

In occasione del 50° anniversario del Coro: il Sindaco Speranza Marostica, la Sig.ra Marilena Simonetto, attuale moglie del maestro Piotto, il maestro Piotto e l’allora Sindaco di Majano del Friuli, Piuzzi Adriano, ora consigliere provinciale che ricopre la carica di assessore alle politiche Sociali, alla cooperazione sociale e al volontariato,


Ora anche per il Maestro Piotto è arrivato il momento di passare il testimone……

E chi è in grado di assumersi la responsabilità di un’eredità così importante?

Molti si sono defilati dall’incarico. La paura di subire sempre il confronto con il grande maestro Piotto aleggiava nella mente e terrificava coloro che speravano o solo pensavano di poterlo sostituire.
Serviva un temerario, uno che avesse già diretto un coro, uno che non temesse il confronto, uno che non si lasciasse assoggettare, uno che non si lasciasse influenzare dai sistemi e dai metodi usati finora, uno che avesse il coraggio di varcare la soglia della sala prove e l’audacia di guardare in faccia uno per uno, quel branco di vecchi lupi professionisti del canto, pronti ad azzannare chiunque non si chiamasse “Piotto”.
Chi ?...   Se non una donna, ma non una donna qualsiasi!.
Bensì la maestra  BIANCHIN RENATA!


storia-18

Ed ecco simbolicamente il passaggio delle consegne,
La maestra
Bianchin Renata con il maestro Tony Piotto.


Nel 2005, si è dato il via ad una rassegna di cori, che viene ripetuta ogni anno. Di volta in volta si ospitano cori provenienti da tutta Italia, in prevalenza cori con un repertorio alpino, ma non disdegnando altri generi musicali.

Nel mese di Luglio 2007, il coro ha riscontrato un notevole successo, nella trasferta a Marzling in Germania paese gemellato con S. Zenone degli Ezzelini. In quell’occasione i concerti furono gremiti da un pubblico entusiasta delle melodie dei canti, a loro poco noti, degli alpini e delle nostre tradizioni.
Questa trasferta è stata resa ancor più importante e gratificante per il coro che ha avuto l’onore di essere accompagnato dal Sindaco di S. Zenone degli Ezzelini, Sig.ra  Speranza Marostica .


storia-24

A Marzling durante un’esibizione


storia-25

In occasione della visita a Marzling, il Sindaco Sig.ra “Speranza Marostica”  simpaticamente indossa i costumi bavaresi.


Nel mese di settembre 2007, il coro effettua una consegna toccante ed emozionante.
Si  reca a Santa Giustina di Bardi (PARMA) per consegnare ai familiari di un alpino caduto nella campagna di Russia la sua gavetta che una donna russa ha, a sua volta, consegnato  ad un nostro corista durante un viaggio in Russia.
Dopo averla riportata in Italia e decifrato il nome inciso, sono state effettuate scrupolose indagini, risalendo così al luogo di nascita dell’alpino.
Con il contributo del gruppo alpino del luogo, è stata organizzata una cerimonia per la consegna. Erano presenti oltre ad alcuni fratelli dell’alpino caduto, molte autorità, decine e decine di gagliardetti e rappresentanti di varie armi.
Per tutto il tempo l’emozione dei coristi era palpabile e, durante i discorsi dei vari oratori che si sono alternati, molte lacrime sono state versate.
Tutti i componenti del coro erano consapevoli di aver adempiuto ad un dovere morale che è quello di non dimenticare: la cerimonia è simbolicamente stata estesa a tutti i soldati “martiri” caduti in Russia.


storia-26

Ecco il momento più toccante della cerimonia: la consegna della gavetta


24-12-2007: data da ricordare. E’ la vigilia di Natale ed è la data della prima celebrazione della Santa Messa di mezzanotte sulla vetta del Monte Grappa  pensata ed ideata dal coro.  Anche quest’anno si è ripetuta la cerimonia che ha riscontrato una grande partecipazione di fedeli.
La Santa  Messa è stata celebrata da Mons. Renato Marangoni, delegato Diocesano per la famiglia della Diocesi di Padova e Presidente della Commissione Regionale per la famiglia e la vita del Triveneto; un atleta che con scarponi e racchette arriva in cima al Monte Grappa a piedi, esegue la funzione e poi se ne ritorna a valle sempre a piedi.

Intanto il coro continua a eseguire concerti in Italia e all’estero, con considerevoli successi e soddisfazioni.


2010 - Ed eccoci arrivati al sessantesimo anniversario della nascita del coro. ( 1950-2010 )
Già il giorno 20-02-2010 abbiamo incominciato a fare delle feste e commemorazioni ma prima dei festeggiamenti o qualsiasi altra cerimonia di carattere mondano, abbiamo sentito il dovere di ricordare i nostri amici coristi che come usano dire gli Alpini, sono "andati avanti", con una Santa Messa celebrata da Don Fabrizio Girardi nella chiesa parrocchiale di Liedolo.
In questa occasione è stata eseguita la "MESSA DI REQUIEM" di Don Lorenzo Perosi.
Nella stessa serata è stata organizzata una cena sociale del coro con relativa pesca di beneficienza con i risultati che sono andati oltre alle più rosee aspettative.
Una serata insomma, riuscita molto bene e la prima torta per festeggiare il sessantesimo è stato il giusto epilogo.


clicca per ingrandire torta 60°

una prima torta del 60°


Clicca per ingrandire

Il comitato con la Sig. Speranza Marostica ex Sindaco di San Zenone degli Ezzelini e attuale Consigliere Provinciale
 della provincia di Treviso, grande sostenitrice del nostro coro, il Sindaco di Fonte –TV-

 Dott. Tondi Massimo e il comitato del coro eletto nel 2010 formato da:

Bianchin Renata – Direttore artistico

Rossetti Luca – Presidente,

Bonamigo Gianni – Vice Presidente,

Andreatta Fabrizio – Tesoriere

Fantin Lodovico – Consigliere artistico

Berton Matteo - Segretario


2010 La serata del 09-10-2010 il coro organizza un concerto per festeggiare il sessantesimo, con la partecipazione della  "Corale Majanese" di Majano del Friuli.   Majano è il paese gemellato con San Zenone degli Ezzelini e la presenza della loro Corale è stata particolarmente gradita perchè è stata un'ulteriore occasione per consolidare i rapporti di amicizia con gli abitanti di questi paesi.
Alla fine del concerto sono intervenuti il Sindaco di S. Zenone il Sig. Mazzaro Luigi, il Cons. Prov. Sig. Speranza Marostica, l'Asses. Prov. della Prov. di Treviso il Dott. Favero Marzio, l'Asses. Prov. della provincia di Udine il Sig. Piuzzi Adriano, il Vice Sindaco di Majano il Sig. Ciano Romano, e le loro parole di stima e apprezzamento per l'impegno profuso dal Coro, nel mantenere questa associazione sempre attiva dinamica e ambasciatrice dei canti della nostra cultura alpina e popolare, sono state ben gradite.

Clicca per ingrandire foto del coro
"60mo"  Il Coro Monte Grappa durante il concerto del sessantesimo



Clicca per ingrandire foto      Clicca per ingrandire foto      Clicca per ingrandire foto
"60mo" il Sindaco Mazzaro Luigi   -  il Cons. Prov. -TV- Speranza Marostica    -   l'Ass. Prov. -UD- Piuzzi    
    

Clicca per ingrandire foto                                 Clicca per ingrandire foto
"60mo"   l'Ass. Prov. -TV- Favero Marzio            il Vice Sindaco di Majano Ciani Romano      

Il concerto è stato un successo su tutti i fronti, per qualità, affluenza di pubblico e autorità che con i loro discorsi di apprezzamento ci hanno incitato e dato nuova linfa, per il prosieguo del nostro impegno.

Il giorno 10-10-2010, è incominciato con una sfilata del coro con l'accompagnamento della "Banda Girasole" di San Zenone degli Ezzelini, da una via del paese fino alla chiesa, dove è stata celebrata una messa animata dal Coro Monte Grappa, nell'occasione vista la coincidenza, è stato osservato un minuto di silenzio e dedicato il canto "Signore delle cime", ai quattro Alpini deceduti in un attentato in Afganistan.
All'uscita dalla chiesa c'è stata una cerimonia con l'alza bandiera e deposizione di una corona ai caduti.
Tutta la documentazione della cerimonia è riportata nella "galleria fotografica" alla voce "sessantesimo"

Clicca per ingrandire foto          Clicca per ingrandire foto          Clicca per ingrandire foto
 "60mo" Banda Girasole in sfilata       -     Coro Monte Grappa in sfilata     -        Deposizione corona e onore ai caduti


Clicca per ingrandire foto
"60mo"   il Coro Monte Grappa posa davanti alla chiesa di S. Zenone

A termine delle manifestazioni peraltro svolte e riuscite molto bene, ci si è riuniti tutti, coristi ex coristi e ospiti, nel ristorante "Cappellari" per un pranzo dove sono stati dati dei riconoscimenti a tutti i presenti : ai coristi ed ex coristi una pergamena per la dedizione al coro, alla diretrice del Coro Monte Grappa  Bianchin Renata, una targa di riconoscenza per l'impegno e la costanza che dedica al coro. Al corista  Bellinaso Armando, una targa di riconoscenza per i suoi sessantanni di attività in seno al coro. Al maestro Piotto Antonio, abbiamo consegnato nella sua abitazione una targa  di riconoscenza per aver fondato e diretto il coro per oltre cinquant'anni. Agli ospiti è stato donato un cristallo con  il logo del coro Monte Grappa.

 Clicca per ingrandire foto
"60mo" Il pres. Rossetti consegna una targa al corista Bellinaso Armando                      

Alla fine del pranzo come di regola si taglia la torta e la nostra era particolarmente buona e gradita.

Clicca per ingrandire foto                             Clicca per ingrandire foto
"60mo"Il comitato del coro con la maestra Bianchin  e tra il Sindaco Mazzaro L. e il Cons. Prov. Speranza M.
 

Dopo il pranzo tutti i cantori si sono recati a render visita al fondatore del coro, il maestro Tony Piotto, gli è stata consegnata una targa ricordo e cantati alcuni canti del nostro repertorio. Il Maestro ci ha accolto con grande commozione e durante i canti la sua partecipazione emotiva è stata talmente alta che ad un certo momento si è temuto per la sua incolumità.
                 Clicca per ingrandire foto                        Clicca per ingrandire foto
"60mo"  il M° Tony Piotto                          il coro e il maestro Piotto



trga Piotto

"60mo"  consegna della targa al maestro Piotto
Per altre foto del maestro Piotto vedere la "galleria foto" alla voce "sessantesimo"


Anche per un'altra persona particolarmente legata al nostro coro, come già fatto per il poeta Gino Pistorello, ci piace aprire una pagina per onorarlo, sentirlo sempre vicino e rendere pubbliche alcune poesie che egli ci ha dedicato.
Questi è il Diacono Bruno Martino, praticamente un'istituzione in tutta la pedemontana.
Presidente per sedici anni della Fondazione Pirani-Cremona di Bassano del Grappa, fondata nel 1750, uno degli enti storici più importanti del Nord-Est d’Italia, che si occupa di accoglienza di minori e delle loro problematiche.
Ora i suoi impegni sono rivolti nel sociale, nella difesa del territorio, manager, diacono, animatore culturale, fotografo, scrittore, poeta ecc... insomma una persona attivissima in molte attività e un'artista poliedrico. Una persona normale dovrebbe vivere almeno due vite per fare ciò che Bruno ha fatto e ancora continua a fare.

Cliccare sopra le immagini per poter leggere più agevolmente

BRUNO MART. MONTAGNA   BRUNO MARTINO CANTI   BRUNO MARTINO AVE MARIA

 Qui tre poesie di Bruno Martino dedicate al Coro Monte Grappa

2015  Una delegazione di Majano c’è 1.5.9 è venuta a San Zenone per consegnare al fraterno amico di Majano Tony Piotto, anima del sodalizio tra le nostre comunità suggellato in un gemellaggio che quest’anno compie 15 anni,  la "tessera di socio onorario del Circolo", accompagnandola con una pergamena in cui è espressa la loro gratitudine e il sincero impegno a mantenere viva questa amicizia.

Pergamena per il maestro Tony Piotto

pergamena Piotto "Majano c'è 1.5.9

 Clicca sopra l'immagine per ingrandire  

per gentile concessione del gruppo "Majano c'è 1.5.9

Momenti emozionanti accompagnati dalla musica della Banda Girasole. Assieme al gruppo di Majano c'è 1.5.9, c'era il Consigliere provinciale Adriano Piuzzi e il Sindaco di San Zenone, Luigi Mazzaro. 

Piotto1- 25-05-2015            Piotto2-25-05-2015

per gentile concessione del gruppo "Majano c'è 1.5.9

Mentre il già sindaco di Traversetolo e cittadino onorario di Majano, Clemente Pedrona, per impegni precedenti non ha potuto presenziare, ha quindi indirizzato una lettera al maestro Piotto che riportiamo qui di seguito.

 la bella lettera scritta dall’amico Clemente Pedrona

Clicca sopra l'immagine per ingrandire
lettera1-25-05-2015       lettera2-25-05-2015

per gentile concessione del gruppo "Majano c'è 1.5.9


2015  Nel mese di Novembre il maestro Bontorin Filippo, ha sostituito la maestra Bianchin Renata, e il coro è pronto ad una nuova avventura sempre seguendo la tradizione che ha fin'ora contraddistinto il nostro coro.

Bontorin + Piotto

Bontorin Filippo assieme al maestro Piotto


2017

        M° Piotto e M° Lanaro      M° Piotto e M° Lanaro
09-03-2017, il maestro Mario Lanaro di Malo di Vicenza, direttore di coro e orchestra nonchè uno
tra i più apprezzati compositore Italiani, con la sua visita rende omaggio al maestro Tony Piotto.


Matteo e Piotto
09-03-2017, il segretario del coro Matteo Berton assieme al maestro Tony Piotto
barra


Il resto della storia del Coro Monte Grappa la stiamo costruendo e vivendo in questo momento…..

CORO-015

Il Coro Monte Grappa


Torna ad inizio pagina