CORO MONTE GRAPPA
                                                                           SAN ZENONE DEGLI EZZELINI -TV-

Il repertorio

Nota: Se si intende ingrandire un'immagine per aumentare la visibilit si prega di cliccarci sopra
.


Come si pu immaginare in sessant'anni di attivit, il coro ne ha imparate di canzoni...
qui sotto vengono riportate soltanto le pi richieste e le pi note
.


Alpino e popolare
Sacro
Testo canzoni




Clicca per ingrandire

Alpino e popolare



     
alpino e mulo

BARRA

CENNI DELLE CANZONI POPOLARI ALPINE

Sono solitamente poesie in musica, fatte di parole semplici ma che arrivano subito al cuore, testi che riportano emozioni forti ma contenute, provate per quello che conta nella vita: la casa, l’amore, la gioia, i compagni, la natura, la fatica, la sofferenza, la morte, la patria, raccontate a volte con un po’ di fatalismo, a volte con ironia, ma sempre con dignit.   Cantare era una delle poche consolazioni per la gente che lo faceva spontaneamente, insieme durante il lavoro, magari per chiudere in letizia una giornata o ai pranzi di nozze e alla domenica in osteria davanti ad un boccale di vino,
in allegra compagnia per dimenticare una settimana di fatiche.  Sono cos nate ballate, canzoni nostalgiche, d’amore,
di guerra, di emigrazione, dal genuino umore popolare che danno la perfetta corrispondenza tra il carattere del canto
e l’ambiente ed il sentimento che lo hanno creato.
     
BARRA
                  
AI PREAT Armonizzazione di LUIGI PIGARELLI
BELLE ROSE DU PRINTEMPS Trascrizione ed elab. di TEO USUELLI
BNIA CALASTORIA  di BEPI DE MARZI
CADORINA Armonizzazione di MARCO CRESTANI
DA UDIN SIAM PARTITIArmonizzazione di AGOSTINO DODERO
DAR SAN PIERIdi MARCO MAIERO
DONE-DONE, VECE-VECE Armonizzazione di MARCO CRESTANI
DOVE TE VETT O MARIETTINA Armonizzazione di ANTONIO PEDROTTI
E GIRA CHE TE GIRA  di MARCO CRESTANI
MORTO UN ALPINOdi NAZARENO TADDEI
EMIGRANTI Elaborazione di PAOLO BON
EL GRILETO E LA FORMICOLA Armonizzazione di LUIGI PIGARELLI
ERA UNA NOTTE CHE PIOVEVA Armonizzazione di LUIGI PIGARELLI
FILA FILA Armonizzazione di LUIGI PIGARELLI
IMPROVVISOdi BEPI DE MARZI
INNO DEGLI ALPINI Armonizzazione di TONI PIOTTO
INNO DEI DONATORI DI SANGUEMusica di G. GOLIN,  testo di A. BIAGIONI  arran. di R. BIANCHIN
IL CANTO DEL MINATORE Armonizzazione di LUIGI PIGARELLI
IL GOLICOdi BEPI DE MARZI
IL TESTAMENTO DEL CAPITANO Armonizzazione di LUIGI PIGARELLI
JOSKA LA ROSSATesto di C. GEMINIANI e musica di BEPI DE MARZI
LA BERGERAArmonizzazione di GIANNI MALATESTA
LA CIESETTA DE TRANSACQUAArmonizzazione del Coro M. CAURIOL
LA CONTRA' DE L'ACQUA CIARAdi BEPI DE MARZI
LA DOSOLINA Armonizzazione di ANTONIO PEDROTTI
LA MADONINATesto di ITALO VARNER e arm. di CAMILLO MOSER
LA MADRE DELL'ALPINElaborazione di EFREM CASAGRANDE
LA MONTANARA Armonizzazione di LUIGI PIGARELLI
LA PASTORA Armonizzazione di LUIGI PIGARELLI
LA STRADA FERATA Dalla trascrizione di MARIO MACCHI
LA TRADOTTAArmonizzazione di GIANNI MALATESTA
LA MULA DE PARENZODalla trascrizione di CLAUDIO NOLIANI
LE TRE PAROLEdi MARCO CRESTANI  par. di G. CONSOLARO
LE VOCI DI NIKOLAJEWKADi BEPI DE MARZI
LO SPAZZACAMINO
Ricostruzione e armonizz. di GIANNI MALATESTA
MAMA MAMA PIERO ME TOCA di BEPI DE MARZI
MONTE CANINO Armonizzazione di FERNANDO MIGNOZZI
MONTE CAURIOL Melodia e testo raccolto da ENRICO GRAZIOLA
MONTE GRAPPA Armonizzazione di MARCO CRESTANI
MONTE PASUBIOdi BEPI DE MARZI - GEMINIANI
'NA VOLTA GHERA Armonizzazione di GIANNI MALATESTA
O CE BIEL CJS' CJL A UDIN Armonizzazione di ANTONIO PEDROTTI
OIL MARUSKA Armonizzazione di ANTONIO PEDROTTI
OH MONTAGNEdi GIANNI MALATESTA
PENSO A TI Armonizzazione di MARCO CRESTANI
QUEL MAZZOLIN DI FIORI Armonizzazione di ANTONIO PEDROTTI
RIFUGIO BIANCO
Di BEPI DE MARZI
SALVE COLOMBO Armonizzazione di ANTONIO PEDROTTI
SE JO VS DI MARIDMI Armonizzazione di ANTONIO PEDROTTI
SIGNORE DELLE CIME Di BEPI DE MARZI
STELLUTIS ALPINIS Armonizzazione di FERNANDO MINGOZZI
SUI MONTI SCARPAZI Armonizzazione di ANTONIO PEDROTTI
SUL PONTE DI BASSANO Armonizzazione di TONI PIOTTO
SUL RIFUGIO BIANCO DI NEVE Armonizzazione di MARCO CRESTANI
TRA LE CIME Armonizzazione del CORO SCALIGERO
ULTIMA NOTTE  di BEPI DE MARZI
VA L'ALPIN Di LUIGI PIGARELLI
VALSUGANA Dalla ricostruzione di LUIGI PIGARELLI
VIVA L'AMOR Elaborazione di PAOLO BON

Torna ad inizio pagina


Sacro  


Libro sacro  



repertorio chiesetta


  

AMEN  (GOSPEL)Arrangiamento di NORMAN LUBOFF
ABETE DI NATALE Elaborazione di TONI PIOTTO
ADESTE FIDELIS Armonizzazione di MARCO CRESTANI
AI PREAT Di LUIGI PIGARELLI
ALLA GROTTAArmonizzazione di FEDELE FANTUZZI
AVE MARIA DI BEPI DE MARZI
BIMBO, BIMBO FAI LA NANNA Elaborazione di GIANNI MALATESTA
CRISTO RISUSCITI
Sviluppo melodico di Gianni Malatesta
FRATELLO SOLE E SORELLA LUNA
Musica di Riz Ortolani, elaborazione di Dino Stella
JINGLE BELLSElaborazione di GIANNI MALATESTA
L'ORGHEN DE PERZENElaborazione di CAMILLO DORIGATTI
LAUDA DELL'EPIFANIA Ricostruzione di LUIGI PIGARELLI
LODA IL SIGNOREdi JOHANN SEBASTIAN BACH
MAGNUM NOMEN DOMINI Armonizzazione di MARCO CRESTANI
MARI' BETLEMME Di BEPI DE MARZI
MARIA LASSU'Di BEPI DE MARZI
MESSA DA REQUIEM Di LORENZO PEROSI
MESSA "DE ANGELIS"
Armonizzazione di Don Matteo Tosi
NENIA DI GES BAMBINO Armonizzazione di LUIGI PIGARELLI
NINNA NANNA Ricostruzione di RENATO DIONISI
O SANTISSIMA Di BEETHOVEN
ODO SUONAR Armonizzazione di GIANNI MALATESTA
OGGI NATO IN UNA STALLA Ricostruzione di LUIGI PIGARELLI
PANE D'AMOR DOLCISSIMO
Armonizzazione  Renata Bianchin
PICCOLA CANTA DI NATALE Di BEPI DE MARZI
PUER NATUS Armonizzazione di AGOSTINO DODERO
SIAMO QUA DAI TRE LORIENTI Armonizzazione di SANTE ZANON
SOM  SOMArmonizzazione di PAOLO BON
STILLE NACHT Di JOSEPH MOHR e FRANZ GRUBER
TU SCENDI DALLE STELLE Armonizzazione di  MARCO CRESTANI

Torna ad inizio pagina

Testo canzoni    
             clicca per ingrandire testo
AI PREAT
Ai pret la biele stele, duch i sants del paradis,
che il Signor fermi le ure,
che il mio ben torni al pais.
Ma tu stele, biele stele, va palese il mio destin.
Va, dar di che’ montagne, l ch’a 'l mio’ curesin.


BELLE ROSE DU PRINTEMPS
Que fais tu l bas, ma jolie bergre , ma jolie bergre,
belle rose, belle rose du printemps.
Combien prends-tu pour ton salaire? Pour ton salaire?
belle rose, belle rose du printemps

BNIA CALASTORIA

Torn, son torn, son torn par sempre. Torn, son torn, son torn par sempre.
Torn nella valle dove gera me pop.
Vard, ma vard, ma vard la valle. Vard, ma vard, ma vard la valle.
Vard le montagne dove gera le contr
Vard, ma vard, ma vard la valle. Vard, ma vard, ma vard la valle.
Vard le montagne dove gera le contr

CADORINA

E lass, e lass nel bel Cador, Cadorina, Cadorina ti sta ben
E lassu’ nel bel Cadore, Cadorina ti sta ben, Cadorina ti sta ben,
fazzoletto e gonnellino e le pecore che vien, e le pecore che vien.
Nel tramonto, nel tramonto tutto d’or, Cadorina, Cadorina il tuo color,
la fiamma del tuo amore, che risplende pi sol, che risplende pi del sol.
Quando dormi, quando dormi sogni ancor, del Cadore, del Cadore la belt,
che alla vita col suo amore ti dar felicit, ti dar felicit

DA UDIN SIAM PARTITI
Da Udin siam partiti  da Bari siam passati,
Durazzo siamo scesi   in Grecia destinati.
Ci tocca di partire   con la tristezza in cuor,
lasciando la morosa   con gli altri a far l'amor.
La Grecia terminata,  a Udin siam tornati,
che tosto per la Russia    noi siamo destinati.
E partiremo ancora    con la tristezza in cuor
lasciando la morosa    con gli altri a far l'amor.
Motorizzati a pie',    la piuma sul cappel,
lo zaino affardellato,    l'Alpin l'e` sempre quel

DAR SAN PIERI
Sore i roncs, dar San Pieri, cul sciroc o in Lui ch'al s di fen,
ducj i siums si crin simpri, ducj i siums 'e clamin ben.
E 'a consolin lis albdis che n crict il scr dai ds
che gjels al ten platt, di simpri, il lusr dal Parads.
E tal cr timp di bussadis, timp di un fc mai dite a d'un,
distudt cui avostans, mai legris, in te scune di un autun.
Sore i roncs, dar San Pieri, ducj i siums 'e clamin ben.

DONE-DONE, VECE-VECE
Done done, vece vece, done zovani e sposade,
vegn chi che le pignate, ve le dago a bon marc.
Go bocai novi de trinca, piati fondi e piati sparsi,
dell’et de Garibaldi e del vecio boiador.
Marameo, marameo, marcia via da sti paesi, va a cantarghe ai tirolesi
La canson del pigna-pignater.
Marameo, marameo, marcia via da sti paesi, va a cantarghe ai tirolesi
La canson del pigna-pignater.

DOVE TE VETT O MARIETTINA
Dove te vett o Mariettina,  dove te vett o Mariettina, dove te vett o Mariettina,
in sc bon'ora in mezzo al pr,
dove te vett o Mariettina,  in sc bon'ora in mezzo al pr.
Mi me ne v in campagnola, mi me ne v in campagnola, mi me ne v in campagnola,
campagnola a lavor.
Se la rosada la se alza,
se la rosada la se alza, se la rosada la se alza
la te bagner el scossa,
el scossarin l'ho gi bagnato, 
el scossarin l'ho gi bagnato, el scossarin l'ho gi bagnato,
stamatina in mezzo al pr.


E GIRA CHE TE GIRA
Su la specera la se rimira, perch stasera la va balar;
la se fa i rissi, la se fa bela, la par na stela: l vol amar.
E gira che te gira, e gira chi vuol girar, e bala chi vuol balar, e gira chi vuol girar.
O cara tosa non mi tradire: sei vanitosa, ti voi lasciar.
Tuti te varda, tuti te basa, bison che tasa; mi fai morir
E gira che te gira, e gira chi vuol girar, e bala chi vuol balar, e gira chi vuol girar.


E' MORTO UN ALPINO

morto un alpin, sulla montagna, ritornava dal confin dopo la guerra:
ma quando l'alpin l' casc in terra, cr l un Angel del Trentin che’l ghe diseva:
"O bell'alpino, alla tua capanna  manda un saluto, io lo porter"
Alora l'alpin l'ha vert i oci, ghe parea che l'angiol fosse l vicino.
"Angiol del cielo, l'ultimo mio baso portemel caldo al mio tesor,
portemel caldo al mio amore"
E' morto un alpin!   Don….

EMIGRANTI
Plu-plu-plum plu-plu-plum Plu-plu-plum plu-plu-plum
Trenta giorni di macchina a vapore nella Merica ghe semo arrivati.
Ma nella Merica che semo arrivati, no abbiamo trovato n paglia n fien.
E Merica, Merica, Merica, cossa sarala sta Merica?
Merica, Merica, Merica, in Merica voglio andar.
Abbiam dormito sul nudo terreno, come le bestie che va riposar.
E la Merica l’ lunga , l’ larga, circondata da fiumi e montagne;
e co’ l’aiuto dei nostri Italiani abbiam formato paesi e citt.
E Merica, Merica, Merica, cossa sarala sta Merica?
Merica, Merica, Merica, in Merica voglio andar.
e co’ l’aiuto dei nostri Italiani abbiam formato paesi e citt.

EL GRILETO E LA FORMICOLA

Un giorno la formicola la scardazava ‘l lin, e psa lo grileto e ‘l ghe domanda ‘n fil.
e psa lo grileto e ‘l ghe domanda ‘n fil.
Domanda la formicola : D’un fil che ne vuoi far? Vo’ farmi sei camicie mi voglio maritar.
Vo’ farmi sei camicie mi voglio maritar
‘L grileto e la formicola i era un gran bel par, quando i s’ messi ai piedi dell’altar.
quando i s’ messi ai piedi dell’altar.
Ma quando a la formicola el g’ha meta’ l’anel, el gril l’ casc ‘n tera e ‘l s’ha
spinz ‘l zervel, el gril l’ casc ‘n tera e ‘l s’ha spinz ‘l zervel
Alora la formicola la s’ butada ‘n let e col calcagn del piede la se bateva ‘l pet
e col calcagn del piede la se bateva ‘l pet

ERA UNA NOTTE CHE PIOVEVA
Era una notte che pioveva e che tirava un forte vento;
immaginatevi che grande tormento per un alpino che sta a vegliar.
A mezzanotte arriva il cambio accompagnato dal capoposto:
ohi sentinella torna al tuo posto sotto la tenda a riposar!
Quando fui stato ne la mia tenda sentii un rumore gi per la valle,
sentivo l'acqua gi per le spalle, sentivo i sassi a rotolar.
Mentre dormivo sotto la tenda sognavo d'esser colla mia bella
e invece ero di sentinella fare la guardia allo stranier.

FILA FILA
Vos tu venir con me  su la montagna, dove gh’ l’erba suta e no la bagna?
Fila, fila ortolanela, fin che gira la molinela, fila fila fin che ‘l fuso l’ termin.
Vos tu venir con me  laggi in campagna, dove che nasse ‘l zaldo e l’erba spagna?
Fila, fila ortolanela, fin che gira la molinela, fila fila fin che ‘l fuso l’ termin.
Vos tu venir con me, bella, stanotte, col mosto ti dar castagne cotte.
Fila, fila ortolanela, fin che gira la molinela, fila fila fin che ‘l fuso l’ termin.
Vos tu venir sul monte, o bimba bella? Risplender vedrem la nostra stella.
Fila, fila ortolanela, fin che gira la molinela, fila fila fin che ‘l fuso l’ termin.

IMPROVVISO

L'ombra che viene azzurra le colline
gi nella valle si chiudono le rose.
Chi spegne il giorno conosce bene il sole,
chi spegne il giorno colora i nostri sogni.
Dalle contrade si mandano la voce:
tutta la valle racconta il nostro bene.
L'ombra che viene azzurra le colline,
chi spegne il giorno conosce i nostri sogni.
L'ombra che viene. Oh........


INNO DEGLI ALPINI

Pa pa pa pa pa  pa pa  pa pa pa pa pa pa pa pa pa pa … 
Dai fidi tetti del villaggio i bravi alpini son partiti, mostran la forza ed il coraggio
della loro balda giovent.
Son dell'Alpe i bei cadetti; nella robusta giovinezza, dai loro baldi e forti petti
spira un'indomita fierezza.
Oh valore alpino! Difendi sempre la frontiera!
E l sul confin tien sempre alta la bandiera,
sentinella all’erta per il suol nostro italiano
dove amor sorride e pi benigno irradia il sol.
Pa pa pa pa pa  pa pa  pa pa pa pa pa pa pa pa pa pa………


INNO DEI DONATORI DI SANGUE
Siamo pronti sempre pronti,
se di noi ce n bisogno:
se una vita da salvare,
quando il sangue occorrer!
Cantiamo insieme questo l'inno del donator,
noi doniamo il sangue solo per amor!
Non badiamo al sacrificio
sia di giorno oppur di notte,
accorriamo al capezzale
pur la vita di salvar!
Cantiamo insieme questo l'inno del donator,
noi doniamo il sangue solo per amor!
Siam fratelli siamo uniti
e col sangue che doniamo
ci sentiam nella coscienza
d'aver fatto un po' di ben!
Cantiamo insieme questo l'inno del donator,
noi doniamo il sangue solo per amor!

IL CANTO DEL MINATORE
E la mia mamma sempre me lo diceva di star lontano dalla miniera.
E la mia mamma sempre me lo diceva di star lontano dalla miniera.
Ohi m ohi mMa io testardo sempre ci sono andato finch la mina mi ha rovinato.
Ma io testardo sempre ci sono andato finch la mina mi ha rovinato.
Ohi m ohi m.
O Santa Barbara, prega per i minatori sempre in perielio della lor vita.
O Santa Barbara prega per i minatori sempre in perielio della lor vita.
Ohi m Ahi m

IL GOLICO

Se la Julia non fesse ritorno
la me mama pregher par mi.
Se la Julia non fesse ritorno
la me mama pregher par ti.
L sul Golico soto la neve,
'na preghiera prima de morir:
L sul Golico soto la neve,
'na preghiera prima de morir:
O Madonna regina del cielo,
su me mama meti la Tua man
daghe forza de pianzer pianelo
daghe forza de non disperar.
O Madonna regina del cielo,
su me mama meti la Tua man
daghe forza de pianzer pianelo
daghe forza de non disperar.
Se la Julia non fesse ritorno.

IL TESTAMENTO DEL CAPITANO

El capitan de la compagnia e l' ferito, sta per morir el manda a dire ai suoi alpini
perch lo vengano a ritrovar.
I suoi alpini ghe manda a dire che non ha scarpe per camminar.
O con le scarpe o senza scarpe i miei alpini li voglio qua.
Cosa comanda sir capitano, che noi adesso semo arriv?
E io comando che il mio corpo in cinque pezzi sia tagli.
Il primo pezzo alla mia Patria, secondo pezzo al battaglion,
il terzo pezzo alla mia mamma che si ricordi del suo figliol.
Il quarto pezzo alla mia bella che si ricordi del suo primo amor.
L'ultimo pezzo alle montagne che lo fioriscano di rose e fior.

JOSKA LA ROSSA
El muro bianco drio de la t casa,  ti te saltavi come un oselto.
Joska la rossa, ple de bombasa,  tute le sere prima de 'nda in leto.
Te stavi li co' le t scarpe rote,  te ne vardavi drio da j oci mori,
e te balavi alegra tuta note,  e i baldi alpini te cantava i cori.
Oh..., Joska, Joska, Joska,  salta la mura fin che la dura.
Oh..., Joska, Joska, Joska,  salta la mura bala con mi. Oh...
Ti te portavi el sole ogni matina  e de j alpini te geri la morosa,
sorela, mama, boca canterina,  oci del sol, meravigliosa rosa.
Xe tanto e tanto n ca te zerchmo,  Joska la rossa, amor, rosa spanja.
Ma dove sito and? Ma dove andemo?  Semo ramenghi, o morti. E cos sia.
Oh..., Joska, Joska, Joska,  salta la mura fin che la dura.
Oh..., Joska, Joska, Joska,  salta la mura bala con mi. Oh...
Busa con crose, sar st i putei?  La par na bara e invece xe na cuna.
E dentro dorme tutti i t fradei,  fermi impal co i oci ne la luna.
Oh Joska, Joska, Joska,  salta la mura fin che la dura.
Oh Joska, Joska, Joska,  salta la mura, fermete l.    fermete l..

LA BERGERA

A l'ombrta d'un bsson       bela bergera a l' 'ndurmia.
J' da l pass    tr jol franss      a l'an dit: "Bela bergera     vui l'evi la frev !
E se vui l'evi la frev    faruma f 'na covertura:
con l m mantel       ch'a l' cos bel,   faruma f na  covertura    passer la frev."
Ma la bela l' rispond:       "Gentil galant f vstr viagi,
e lasse-me st     con 'l m berg     che al suun de la soa vila      mi far dans."
E 'l berg sentend lol       l' saut fr da la baracca,
con la vila in man     s' but a son:    a l'an piait bela bergera,     l'an fala dans.


LA CIESETTA DE TRANSACQUA

As tu vis la cieseta de Transacqua
col Cimon dela Pala sra i copi, oh!
Te g'ha i oci ciri come l’acqua,
e i cavei rizi e senza sgropi, oh!
Mi g’ho vis la cieseta de Transacqua,
ma 'l Cimon de la Pala non ghe xera, oh!
Sra i copi lustri de tant’acqua,
gh'era solo 'na nuvolona nera, oh!
Nella ciesa canta Messa 'l prete,
sul Cimon dela Pala fischia il vento, oh!
Cossa importa se g’ho le scarpe rote,
se nel fondo del cor mi son contento, oh!

LA CONTRA' DE L'ACQUA CIARA

La contr de l'Acqua ciara no z pi de l'alegria
quasi tutti ze and via, solo i veci ze rest.
Le finestre senza fiori, poco fumo dai camini,
senza zughi de bambini, la montagna ze mal.
Su in contr de l'Acqua ciara solo i veci ze rest.
Torno torno la fontana dove i sassi sa le storie,
se ga perso le memorie che racconta la contr.
No' se ride, no' se canta, no' se fa fil la sera,
no' vien pi la primavera, la se ga desmenteg.
Su in contr de l'Acqua ciara solo i veci ze rest.
Su in contr de l'Acua ciara...

LA DOSOLINA
    
La Dosolina la va di sopra la si mette al tavolino,
la Dosolina la va di sopra la si mette al tavolino,
solo per scrivere 'na leterina e per mandarla al napolitan.
Solo per scrivere 'na leterina e per mandarla al napolitan.
Napolitano l' n a Bologna a zercarse la morosa.
Napolitano l' n a Bologna a zercarse la morosa.
La Dosolina povera tosa napolitano l'abandon.
La Dosolina povera tosa napolitano l'abandon.
Ma se ti trovo sola soletta un bel baso te daria.
Ma se ti trovo sola soletta un bel baso te daria, ma se ti trovo
in compagnia te l'ho giurato t'ammazzer.
Ma se ti trovo in compagnia te l'ho giurato t'ammazzer.

LA MADONINA

"Che dolcezza ne la voze de me mama
quando 'nsieme sarivava al capitel:
la polsava 'n momentin,
la pregava pianpianin,
e a la fin le me diseva: Vei che nen.
Ve saludo, Madonina, stme ben.
Do violete profumade 'n primavera,
qualche volta 'n goz de oio nel lumin.
Tanti ani za pass,
quasi gnente gh rest.
Mi me sento ancor la voze: Vei che nen.
Ve saludo, Madonina, stme ben.
E rest en tochetin de Madonina,
ma che ride quando li ghe cica 'l sol.
El fiscieta 'n oselet
propi 'n zima sul muret.
Quela voze benedeta ancor la ven:
Ve saludo, Madonina, stme ben." 

LA MADRE DELL'ALPIN
Lass in una casetta d'Italia sui confin, viveva una vecchietta, la madre di un alpin.
Col figlio suo d'accanto nella quiete l fra i monti viveva in un incanto la vecchia col suo alpin.
Ma un d fra le vette, fra i bianchi nevai, fra gole e ghiacciai una voce ascolt:
Madre, ors, il filgliol tuo dammi anche tu; lo stranier calpesta ancor le mie frontier io la patria son i miei figli tutti v:
lo stranier qui alle frontier. Rombava la mitraglia l proprio sui confin,
giorno di battaglia per il mio figlio alpin. Dio mio, fa che ritorni qui con me nella casetta ad allietarmi i giorni o io ne morir.
Con ansia mortale sul monte and vagando, ma invano chiamando il suo caro alpin.
Madre, tu il figliol tuo non chiamar pi. Sul mio altar la giovent seppe immolar. ei dorme quaggi,
n si dester mai pi; madre, tu lo rivedrai lass.

LA MONTANARA
Lass sulle montagne fra boschi e valli d'or, tra l'aspre rupi echeggia un cantico d'amor.
Lass sulle montagne fra boschi e valli d'or, tra l'aspre rupi echeggia un cantico d'amor.
La montanara o-h si sente cantare, cantiam la montanara e chi non la sa.
La montanara o-h si sente cantare, cantiam la montanara e chi non la sa.
La su sui monti, dai rivi d'argento una capanna cosparsa di fior:
era la piccola dolce dimora di Soreghina la figlia del sol, la figlia del sol.

LA PASTORA
E lass, sulla montagna gh'era su ‘na pastorela pascolava i suoi caprin
su l'erba fresca e bela.
E di l pass un signore, el ghe diss:<<ohi pastorela varda ben che i tuoi caprin
lupo non se li piglia>>.
Salta for lupo dal bosco con la faccia nera nera l'ha magn 'l pu bel caprin
che la pastora aveva.
Ed alor si mise a piangere, la piangeva tanto forte al vedere il bel caprin,
vederlo andare a morte

LA STRADA FERATA
Adesso che gavemo la strada ferata, in meza giornata se vien e se v.
E tiche - tache – tuche… tiche - tache – tuche… ecc...
Adesso che gavemo  la strada ferata,  con bel giornata in gita se v.
E tiche - tache – tuche… tiche - tache – tuche… ecc...
Adesso che gavemo  la strada ferata,  la sboba in pignata  mai pi mancher!
E tiche - tache – tuche… tiche - tache – tuche…ecc...

LA MULA DE PARENZO
La mula de Parenzo - liol l'ha messo su bottega, de tutto la vendeva; (2 v.)
la mula...
de tutto la vendeva fora che'l baccal. Perch non m'ami pi?
Tutti mi chiamano bionda, ma bionda io non sono, porto i capelli neri; (2 v.)
tutti mi chiamano...
porto i capelli neri, neri come il carbon. Perch non m'ami pi?
La m morosa vecia, la tengo de riserva, quando che cresci l'erba; (2 v.)
la me morosa....
quando he cresci l'erba la meno a pascolar. Perch non m'ami pi?
La mando a pascolare insieme alle caprette, l'amor con le servette; (2 v.)
la mando...
l'amor con le servette non lo far mai pi! Perch non m'ami pi?


LA TRADOTTA
La tradotta che parte da Torino
a Milano non si ferma pi,
ma la va diretta al Piave,
cimitero della giovent.

Siam partiti, siam partiti in ventinove
ed in sette siam tornati qua,
e gli altri ventidue
son rimasti tutti a S. Don.

A nervesa, a Nervesa c’ una croce,
mio fratello sepolto l.
Io ci ho scritto su “Ninetto”
che la sua mamma lo ritrover.

Cara suora, cara suora son ferito,
a domani non arrivo pi.
questo fior per la mia mamma
te lo d che me lo porti tu.

LE TRE PAROLE
Se ti vien quass in montagna ti dir le tre parole
quelle care quelle sole che il tramonto mi fa dir.
E qua sotto pini e abeti forse pure con la luna
sia tu bionda sia tu bruna tre parole devo dir.
Le tre parole sono lo sai le devo dir.
Le tre parole sono lo sai ti voglio ben.
Le tre parole sono amore da morir.


LE VOCI DI NIKOLAJEWKA

Nikolajewka.....
Nikolajewka.....
Nikolajewka.....
Nikolajewka.....

LO SPAZZACAMINO

Su e gi per le contrade,   di qua e di l si sente,    cantare allegramente:
qui lo spazzacamin!
S’affaccia alla finestra,    'na bella signorina,    con voce assai carina,
chiama lo spazzacamin.
Prima lo fa entrare    e poi lo fa sedere,    gli da' mangiare e bere,
allo spazzcamin.
Ei dopo aver mangiato,    mangiato e ben bevuto,   restando ben seduto,
non vole lavorar.


MAMA MAMA PIERO ME TOCA
Mama, mama, Piero me toca! Oh … Tocame Piero, tocame Piero,
Mama, Mama, Piero me toca, Oh…  tocame Piero,  tocame qua!

Ma Piero pizzega inveze de tocare ti dighelo a to mare, ti dighelo a to mare.
Ma Piero pizzega inveze de tocare:  ti dighelo a to mare, ca te g anca pizzeg.
Mama, mama, Piero me varda! Oh … Vardame Piero, vardame Piero,
Mama, Mama, Piero me varda, Oh… vardame Piero  vardame qua!
Ma Piero pizzega inveze de vardare ti dighelo a to mare, ti dighelo a to mare.
Ma Piero pizzega inveze de vardare ti dighelo a to mare, ca te g anca pizzeg.
Mama, mama, Piero me toca! Oh …Tocame Piero, tocame Piero,
Mama, mama, Piero me varda! Oh …vardame Piero, vardame Piero
Tocame qua, tocame qua, tocame qua, tocame qua!
Ma Piero pizzegha inveze de tocare ti dighelo a to mare, ti dighelo a to mare.
Ma Piero pizzega inveze de vardare: ti dighelo a to mare, ca te g anca pizzeg .

MONTE CANINO
Non ti ricordi quel mese d'aprile quel lungo treno che andava al confine
che trasportavano migliaia degli alpini su, su correte l'ora di partir.
Dopo tre giorni di strada ferrata ed altri due di lungo cammino siamo arrivati
sul Monte Canino e a ciel sereno ci tocca riposar.
Non pi coperte, lenzuola, cuscini non pi il sapore dei caldi tuoi baci,
solo si sentono gli uccelli rapaci fra la tormenta e il rombo del cannon.
Se avete fame guardate lontano, se avete sete la tazza alla mano,
se avete sete la tazza alla mano che ci rinfresca la neve ci sar.


MONTE CAURIOL
Fra le rocce… bon….  il vento e la neve…bon….  siam costretti la notte a vegliar!
La notte a vegliar!
Il nemico crudele e rabbioso lui tenta sempre il mio petto colpir,
il nemico crudele e rabbioso lui tenta sempre il mio petto a colpir!
mio petto a colpir.
Genitori….bon….  piangete piangete…bon….   se vostro figlio non dovesse tornar!
non dovesse tornar!
Vostro figlio morto da eroe sull’alte cime del monte Cauriol !
vostro figlio morto da eroe sull’alte cime del monte Cauriol !
del monte Cauriol !
Il suo sangue…bon…  l’ha dato all’Italia…bon…  e il suo spirto ai fiaschi del vin!
ai fiaschi del vin!
Faremo fare d’un gran passaporto o vivo o morto dovr ritornar!
faremo fare d’un gran passaporto
o vivo o morto dovr ritornar!
sul monte Cauriol…


MONTE GRAPPA

Pa ..papapa… papapapapapa…pa papapa.. papa pa pa….
Monte Grappa tu sei la mia patria, sovra a te il nostro sole risplende,
a te mira chi spera ed attende i fratelli che a guardia vi stan.
Contro te gi s’infranse il nemico che all’Italia volgeva lo sguardo,
non si passa un cotal baluardo affidato all’italici cor.
Monte Grappa tu sei la mia patria, sei la stella che addita il cammino,
sei la gloria, il volere, il destino che all’italia ci fa ritornar.
Po po’… po po… po po… po po po po po po…po po… ecc...

Poon..pon pon pon pon.. pon pon pon pon pon pon pon popopon ecc....

MONTE PASUBIO
Su la strada del Monte Pasubio,   bomborombon bom bomborombom.
 lenta sale una lunga colonna,   bomborombon bom bomborombom. 
L' la marcia de chi non torna  de chi se ferma a morir lass.
Ma gli alpini non hanno paura,  bomborombom bom bomborombom. 
Su la cima del Monte Pasubio,  bomborombom bom bomborombom. 
soto i denti gh ze 'na miniera,  bomborombom bom bomborombom. 
Z i alpini che scava e spera  de ritornare a trovar l'amor.
Ma gli alpini non hanno paura,   bomborombom bom bomborombom 
Su la strada del Monte Pasubio,  bomborombom bom bomborombom. 
z rimasta soltanto 'na croce,   bomborombom bom bomborombom, 
no se sente mai pi 'na voce,  ma solo el vento che basa i fior.
Ma gli alpini non hanno paura, bomborombom bom bomborombom.
Ma gli alpini non tornano indietro,   bomborombom bom bomboromb.

‘NA VOLTA GHERA
‘Na volta gh’era ‘na bruta vecia, che la aveva do denti soli, la palpa uno el ghe scorlava,
la palpa scaltro el ghe resta in man!
Eh ….j le le r,   tioiloloiliri, j le il-ri,   j le il-ri,   j le le l-ri,   tioiloloiliri,
j le il-ri J lu le re li li l.
“Sprechen Sie Deutch” fino a Bolzan, ma da sta banda, ma da sta banda;
“Sprechen Sie Deutch” fino a Bolzan, ma da sta banda, se parla italin
Eh ….j le le r,   tioiloloiliri, j le il-ri,   j le il-ri,   j le le l-ri,   tioiloloiliri,
j le il-ri J lu le re li li l.
Toitela ti che mi no la vi, la ga na goba, la ga na goba;
Toitela ti che mi no la vi, la ga na goba, la ga na goba; che sbrega i ninsoi!
Eh ….j le le r,   tioiloloiliri, j le il-ri,   j le il-ri,   j le le l-ri,   tioiloloiliri,
j le il-ri J lu le re li li l.
Se tutti bchi gavese’l lampion, Jes Maria, Jes Maria;
Se tutti bchi gavese’l lampion, Jes Maria, Jes Maria che illuminasio!
Eh ….j le le r,   tioiloloiliri, j le il-ri,   j le il-ri,   j le le l-ri,   tioiloloiliri,
j le il-ri J lu le re li li l.

O CE BIEL CJS’ CJL A UDIN
O ce biel, o ce biel cjs jel a Udin,
o ce biel, o ce biel cjs jel a Udin.
O ce biel cjs jel a Udin  o ce biele zonventt,
o ce biel, o ce biel cjs jel a Udin  o ce biele zonventt !
Zoventt  Zoventt come a Udin,
zoventt Zovent come a Udin.
Zoventt come a Udin   no si cjate in nissn lc,
zoventt come a Udin   no si cjate in nissn lc.
A buss a buss fantasis bielis,
a bussa a buss fantasis bielis.
A buss fantasis bielis  nol fregul di pecjt,.
A buss fantasis bielis  nol fregul di pecjt.


OIL MARUSKA

Brahmaputra! Himalaia !    Cin, ciun, cin-ciun cian.    Cin, ciun, cin-ciun cian.
Oil , Maruska, muska mia  Cin, ciun, cin-ciun cian.
Oil , Maruska, muska mia  Cin, ciun, cin-ciun cian
Oil , Maruska, muska mia  Cin, ciun, cin-ciun cian
Oil , Maruska, muska mia  Cin, ciun, cin-ciun cian
Naki, beki,  Naki, beki,  cin ciun cin-ciun cian,
Naki, beki,  Naki, beki,  cin ciun cin-ciun Oi l,   issa,  cin ciun cin-ciun cian.

OH MONTAGNE
Oh montagne! Oh montagne mie,
levate su nel cielo, le bianche cime.
Fiori coglieremo per donarli a te;
quella nube candida, brilla nel seren.

PENSO A TI

Se de matina bonora vardo del Grappa la sima, leil, lass ghe ride l’aurora
e in cor me sbocia na rima, leil, e mentre i solchi d’Italia mi vago a lavorar,
penso a ti, tesoro del me cor, che te si un bel fiorellin, fiorellin d’amor.
Se a mesogiorno a l’ombria disno de bon apetito, leil, sento ne l’anima mia
un senso novo infinito, leil, e in peto el core me palpita sensa saver perch,
penso a ti, tesoro del me cor, che ti si un bel fiorellin, fiorellin d’amor.
Se a sera dopo la sena prima d’andarmene in leto, leil, vedo na stella serena
che la vol farme de oceto, leil, mi gelosie teribili non vojo suscitar,
penso a ti, tesoro del me cor, che te si un bel fiorellin, fiorellin d’amor.

QUEL MAZZOLIN DI FIORI
Quel mazzoli di fiori che vien dalla montagna e guarda ben che no 'l se bagna
ch lo voglio regalar.
E guarda ben che no 'l se bagna ch lo voglio regalar.
Lo voglio regalare perch l' un bel mazzetto, lo voglio dare al mio moretto
questa sera quando 'l vien.
lo voglio dare al mio moretto questa sera quando 'l vien.
Stasera quando viene gli fo' 'na brutta cera, e perch sabato di sera
ei no l' vegn da me.
E perch sabato di sera ei no l' vegn da me.
No l' vegn da me, l' and dalla Rosina; perch mi son poverina
mi fa pianger, sospirar.
Perch mi son poverina mi fa pianger, sospirar.


RIFUGIO BIANCO

Pena pass la valle la-oh    e dopo on fi de bosco la-oh    se slarga i pr nel cielo,   la-oh, la-oh,
varda quanti fiori la-oh.
Ecco lass 'na casa la-oh,   en grande fiore bianco la-oh   sboci de primavera,   la-oh, la-oh,
profum d'amore la-oh.
De not la par 'na stela la-oh   che slus a chi camina la-oh   e quando vien matina la-oh
la splende pi del sole la-oh.
Se slarga i pr nel cielo la-oh   dal nos rifugio bianco la-oh,   che porta un nome caro,
la-oh, la-oh, la-oh.
Pena pass la valle la-oh.

SALVE COLOMBO

Salve o Colombo, ligure ardito, che il nuovo mondo festi palese.
A questo nostro sacro convito noi t'invochiamo gran genovese! Noi t’invochiam..
Qua semo na famegia che no ghe gil la testa, nessun ne rompe i timpani
qua semo sempre in festa.
Chi no ghe xe 'na ciacola alegri materam, ghe xe gran bele mascie fra i nostri american.
Ah! Ah! Ha!   Ave, color vini clari. Ave sapor sine pari. Ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta
Nos vagabunduli sumus gioconduli, sumus cristiani, americani per omnia
popula populorum. Amen.
Scultori, artisti celebri, pittori e letterati el vin da l se ciuca, che ‘l par el proprio lati.
Chi no ghe xe 'na ciacola alegri materam, ghe xe gran bele mascie fra i nostri american.
Ah! Ah! Ah!   Ave, color vini clari. Ave sapor sine pari. Ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta-ta
Nos vagabunduli sumus giocunduli sumus cristiani, americani per omnia
popula populorum. Amen

SE JO VS DI MARIDMI

Se jo vs di Maridmi un cjlir no cjolars,
se jo vs di Maridmi un cjlir no cjolars Gjulietta  opsass Nineta,
un cjlir non cjolars.
Lui l’ bon di bati suelis e ncje m mi batars,
lui l’ bon di bati suelis E ncje m mi batars Gjulietta  opsass Nineta,
un cjlir non cjolars.
Cun chei quatri c’al guadgne  nol mantn nncje un polz,
cun chei quatri c’al guadgne nol mantn nncje un polz Gjulietta  Opsass Nineta,
un cjlir non cjolars.
Beneditis lis cjargnlis benedez i lr pas!
beneditis lis cjargnlis Benedez i lr pas! Gjulietta  opsass Nineta,
un cjlir non cjolars.

SIGNORE DELLE CIME

Dio del cielo, Signore delle cime un nostro amico hai chiesto alla montagna,
ma ti preghiamo, ma ti preghiamo su nel Paradiso lascialo andare per le tue montagne.
Santa Maria, Signora della neve copri col bianco soffice mantello il nostro amico,
il nostro fratello su nel Paradiso lascialo andare per le tue montagne.

STELLUTIS ALPINIS

Se tu vens cass tas cretis l che lr mi n sotert, a l' un splz plen di steltis:
dal mio san l' stt bagnt.
Par segnl, une crosute je scolpide l tal cret:
fra chs stelis ns l'erbute, sot di lr jo dur cuit.
Cil su, cil une stelute je a' ricuarde il nestri ben.
Tu i daras 'ne bussadute e po pltile tal sen.
Quand che a ciase tu ss sole e di cr tu pris par me, il mio spirt atr ti svole;
jo e la stele sin cun te.


SUI MONTI SCARPAZI

Quando fui sui monti Scarpazi miserere sentivo cantar.
T'ho cercato fra il vento e i crepazi ma una croce soltanto ho trov.
O mio sposo eri andato soldato per combattere l'imperator,
ma la morte quass hai trovato e mai pi non potrai ritornar.
Maledeta la sia questa guera che m'ha dato s tanto dolor.
Il tuo sangue hai donato alla tera hai distruto la tua giovent.
Io vorrei scavarmi una fossa sepelirmi vorrei da me, per poter colocar
le mie ossa solo un palmo distante da te.
Quando fui sui monti Scarpazi, miserere sentivo cantar.


SUL PONTE DI BASSANO

Sul ponte di Bassano noi ci darem la mano, noi ci darem la mano ed un bacin d’amor
e d’un bacin d’amor e d’un bacin d’amor.
Per un bacin d’amore succedon tanti guai, non lo credevo mai doverti abbandonar,
doverti abbandonar, doverti abbandonar.
Doverti abbandonare volerti tanto bene; quel mazzo di catene che m’incatena il cor,
che m’incatena il cor, che m’incatena il cor.
Che mi incatena il cuore, che mi incatena i fianchi, io lascio tutti quanti no me marido pi, non me marido pi, non me marido pi….


SUL RIFUGIO BIANCO DI NEVE

Sul rifugio bianco di neve  una luce pallida appar,
sul rifugio bianco di neve  una luce pallida appar.
Sar Marisa che pallida viene il suo babbo a ritrovar!
cacciatori, nel nome di Trento salutate babbo per me,
e salutate la bella bandiera  degli eroi che vanno a morir.
Lenta, lenta cade la neve  sul rifugio a biancheggiar,
lenta, lenta cade la neve  sul rifugio a biancheggiar.
Sembra una stella caduta dal cielo e il rifugio diventa un fior,
sembra una stella caduta dal cielo e il rifugio diventa un fior!


TRA LE CIME

Tra le sime pu visine a Bolzan ghel Catinaso.
Par tocarghe le so sime basta che te slonghi un braso.
Par tocarghe le so sime basta che te slonghi un braso.
La mattina sul bonora, verde e scura la vallata.
Biancaneve tra i crepazi le si sime par palazi.
Biancaneve tra i crepazi le si sime par palazi.
Tra i bei fiori di montagna, rododendri stelle alpine.
Tra i bei fiori di genziana canta il gal su la montagna.
Tra i bei fiori di genziana canta il gal su la montagna.


ULTIMA NOTTE

Era la notte bianca di Natale, ed era l’ultima notte degli Alpini.
Silenzioso come frullo d’ale grande ceppo bruciava nei cammini.
Nella pianura brulla e sconfinata lungo il gran fiume come un gran lamento
una nenia veniva desolata che piangeva sull’alito del vento.
Cammina cammina la casa lontana la morte vicina e c’ una campana che suona che suona din…. don…. dan …. Che suona che suona din… don… dan….
Mormorando, stremata, centomila voci stanche di un coro che si perde fino al cielo, avanzava in lunga fila la marcia dei fantasmi in grigioverde.
Non il sole che illumina gli stanchi gigli di neve sulla terra rossa. Gli alpini vanno come angeli bianchi e ad ogni passo coprono una fossa"

Tutto ora tace, a illuminar la neve neppure s’alza l’ombra di una voce.
Lo zaino divenuto un peso greve e pure l’arma s’ mutata in croce.
Lungo le piste sporche e insanguinate son mille e mille croci degli Alpini.
Cantate piano: non li disturbate, dormono adesso il sonno dei bambini.
Cammina  cammina la guerra lontana la casa vicina.
E c’ una campana che suona,
ma piano, din… don… dan… che suona, ma piano, din… don…. Dan….

VA L’ALPIN
Va l'alpin su l'alte cime, passa al volo lo sciator;
dorme sempre sulle cime, sogna mamma e casolar.
Fra le rocce e fra i burroni sempre lesto il suo cammin;
quando passa la montagna pensa sempre al suo destin.
Pensa alpin, al tuo destino: c' il ghiacciaio da passar!
mentre vai col cuore tranquillo, la valanga pu cascar!
Pensa alpin, la tua casetta, ch la rivedrai ancor, c' la mamma che ti aspetta,
orgogliosa del suo figliol.
Cantiam uniti una canzone, la canzone dell'alpin,
e cantiamo con orgoglio: questo il regno degli alpin!.


VALSUGANA

Quando anderemo fora, fora per la Valsugana,
quando anderemo fora, fora per la Valsugana,
e a ritrovar la mama, a veder come la st.,
e a ritrovar la mama, a veder come la st.
La mama la st bene il pap l' ammalato;
la mama la st bene il pap l' ammalato;
il mio ben part soldato chi sa quando torner,
il mio ben part soldato chi sa quando torner.
Tuti me dis che lu 'l se zerca z 'n' altra morosa,
tuti me dis che lu 'l se zerca z 'n' altra morosa,
l' 'na storia dolorosa che mi credere non so.
l' 'na storia dolorosa che mi credere non so.
Mi no la credo ma se 'l fussa propri vera,
mi no la credo ma se 'l fussa propri vera,
biondo o moro ancor’ stasera, 'n’ altro merlo trover!
biondo o moro ancor’ stasera, 'n’ altro merlo trover!

W L'AMOR
E me mar l' bon e l' tre volte bon,
e me mar l' bon e l' tre volte bon,
el sabo e la domenega, el sabo e la domenega,
e me mar l' bon e l' tre volte bon,

el sabo e la domenega 'l me paga col baston!
eviva l'amore e l'amore e l'amore che vien che va ,
eviva l'amore e l'amore e l'amore che vien e che va,
eviva l'amore e l'amore e l'amore che vien e che va,
eviva l'amor e viva l'amor e chi lo sa far.
Non la me vol pi ben, non la me vol pi ben,
la me da zo el velen,
la prega di e not che crepe, la prega di e not che crepe
Non la me vol pi ben, non la me vol pi ben,
la me da zo el velen,
la prega di e not che crepe, e inveze mi sto ben!
eviva l'amore e l'amore e l'amore che vien che va ,
eviva l'amore e l'amore e l'amore che vien e che va,
eviva l'amore e l'amore e l'amore che vien e che va,
eviva l'amor e viva l'amor e chi lo sa far.

lo lo lo lo lo ecc...

Torna ad inizio pagina